In questa pagina vogliamo farvi conoscere i nostri punti operativi già operativi come Napoli, Monselice, Chioggia, Roma e quelli in itinere come Padova e altri in via di definizione.

 

MONSELICE (Pd)

L’azienda Monselice Memoria s.r.l., formata da un team di persone qualificate operanti nel settore funerario da oltre venti anni, facendo tesoro della lunga esperienza professionale maturata sul campo è in grado di proporre a quanti ne vorranno usufruire il servizio di custodia e di conservazione delle ceneri dei propri cari defunti.
Il “Luogo della Memoria” della Città di Monselice in provincia di Padova, presso la ex casa del custode del Cimitero Maggiore, sarà un luogo esclusivo ed accogliente per i visitatori, creato appositamente per la custodia delle ceneri e delle ossa dei defunti. Opere in mosaico, composte da celle che, come piccole tombe di famiglia, saranno in grado di accogliere ognuna 4 urne di dimensioni normali delle famiglie che ne vorranno fare richiesta. I lavori sono già iniziati, visitate il sito per maggiori informazioni. Qui potete accedere al depliant informativo


NAPOLI

L’azienda Napoli Memoria s.r.l., composta da professionisti operanti nel settore funerario dagli anni ’90, facendo tesoro della lunga esperienza professionale maturata sul campo è in grado di proporre, a quanti ne vorranno usufruire, il servizio di custodia e di conservazione delle ceneri dei propri cari defunti.

Nella Chiesa di S. Maria della Luce in Napoli sono state installate delle artistiche dimore cinerarie, destinate ad accogliere le urne dei defunti delle famiglie che ne vorranno fare richiesta. Si tratta di opere in mosaico, composte da celle che, come piccole tombe di famiglia, sono in grado di accogliere ognuna 4 urne di dimensioni normali. Qui potete leggere e scaricare il depliant informativo

“La conservazione delle ceneri in un luogo sacro – scrive la Congregazione per la Dottrina della Fede – può contribuire a ridurre il rischio di sottrarre i defunti alla preghiera e al ricordo dei parenti e della comunità cristiana. In tal modo, inoltre si evita la possibilità di dimenticanze e mancanze di rispetto, che possono avvenire soprattutto una volta passata la prima generazione” (Ad resurgendum cum Christo, 5).


CHIOGGIA (Ve)

Con questo titolo “Cappella della Memoria” la Fondazione Santi Felice e Fortunato ha riaperto nel 2017 al culto dei fedeli la chiesetta dell’ex scuola materna in Tombola. All’interno, infatti, è stata istallata un’artistica dimora cineraria, destinata ad accogliere le urne dei defunti delle famiglie che ne vorranno fare richiesta. Si tratta di un’opera in mosaico, composta da celle, che, come piccole tombe di famiglia, sono in grado di contenere ognuna 4 urne di dimensioni normali.

E’ stata inaugurata con la benedizione del Vescovo martedì 31 ottobre 2017, ed è aperta tutti i giorni dalle 8.30 alle 17. È accessibile direttamente dal piazzale Poliuto Penzo senza barriere architettoniche e permette di celebrare, in determinate circostanze, liturgie di suffragio. Si possono chiedere maggiori informazioni rivolgendosi alla Fondazione presso l’attigua Biblioteca diocesana, e fare richiesta di una cella, o di un singolo posto, rivolgendosi all’ufficio amministrativo della Curia, esclusivamente nei giorni di martedì e mercoledì dalle 8.30 alle 12. Il significato di questa iniziativa è bene espresso dall’Istruzione che la Congregazione per la Dottrina della fede ha emanato il 15 agosto del 2016, riguardante la sepoltura dei defunti e la conservazione delle ceneri in caso di cremazione.  Per approfondire si veda questo articolo della Diocesi di Chioggia.

Qui potete accedere al depliant informativo. Vari articoli hanno riportato la notizia tra cui il giornale diocesano “La Nuova Scintilla” che potete leggere qui e La Nuova Venezia che potete visionare a questo link


FRATTAMAGGIORE (Na)

In una nicchia della cripta della Basilica Pontificia nella parrocchia di San Sossio a Frattamaggiore in provincia di Napoli è stato installato un cinerario artistico destinato a ricoverare le urne dei defunti delle famiglie che ne vorranno fare richiesta. Si tratta di un’opera in mosaico composta da 48 cellette che come piccole tombe di famiglia sono in grado di ospitare ognuna 4 urne di dimensioni normali.
Le famiglie che desiderassero usufruire di questa custodia sono pregate di farne richiesta direttamente in Parrocchia compilando la scheda di prenotazione presente nell’ultima parte dell’opuscolo (depliant) che trovate a questo link.
Si assegnano cellette anche prenotandole senza l’obbligo di ricoverare immediatamente i resti dei propri cari defunti. La Parrocchia destinerà il ricavato dell’iniziativa ai lavori di restauro della cripta stessa ed alle numerose iniziative caritatevoli di sostegno ai bisognosi.